A lezione di economia da Deodato Scanderebech (Udc): sfruttare il no profit per risparmiare

"La Nostra Voce". Questa l'unica indicazione come mittente sulla busta che ho ricevuto qualche giorno fa. Testimoni di Geova? Gruppo di volontariato? No. Aperta la busta, ho trovato solo il santino elettorale di un certo Deodato Scanderebech, dell'Udc.

Deodato, che "è sposato ed ha una figlia" (Federica, consigliera comunale a Torino) e "ora è Capogruppo dell'Udc in Consiglio Regionale" del Piemonte (il gruppo è costituito unicamente dallo stesso Scanderebech), promette di "creare nuovi posti di lavoro, restituire fiducia ai nostri giovani e incrementare il potere d'acquisto delle pensioni, degli stipendi e dei salari".

"Scanderebech: difficile da scrivere, ma facile da trovare" proclama il volantino. Si avvicinano le elezioni europee e parte la campagna elettorale, quindi nulla di strano, no?

Qualcosa di strano invece c'è. La spedizione è stata fatta, come si può leggere in una minuscola scritta in fondo al santino, a nome di "La Nostra Voce - Rivista di Cultura e Formazione politica", periodico registrato presso il Tribunale di Torino (reg. n. 5284 del 22 marzo 1999), proprietà dell'associazione culturale Pensiero Coerente (sede in via Arbe 19 a Torino) e diretto dallo stesso Scanderebech insieme al consigliere regionale di Forza Italia Marco Fontana.

In tal modo, Scanderebeh ha goduto del regime tariffario agevolato previsto per le "pubblicazioni informative di enti, enti locali, associazioni ed altre organizzazioni senza fini di lucro" dalla lettera c del 20° comma dell'articolo 2 della legge 662 del 1996 (e non del 1999, come erroneamente indicato sul volantino).

Ricapitoliamo: Scanderebech presenta il proprio santino elettorale come pubblicazione di una fantomatica associazione che nessuna pagina web sembra mai neppure citare (almeno secondo i risultati di ricerca di Google) e che nel volantino scompare, per lasciare il posto all'Udc. Scanderebech risparmia, l'Udc risparmia, lo Stato paga. Facile no?

"Ma come - chiederà qualcuno - non faceva prima a spedire tutto come materiale elettorale, per il quale avrebbe comunque potuto godere di agevolazioni tariffarie?". No: l'invio di materiale elettorale è disciplinato dall'articolo 17 della legge 515 del 1993, che prevede limiti sia quantitativi (ponendo un tetto al numero di spedizioni agevolate) sia temporali (la tariffa agevolata è valida solo nei 30 giorni precedenti la data delle elezioni). Scanderebech aggira entrambi i limiti: il suo monte-invii di materiale elettorale rimane intatto, mentre lui gode degli sconti ben prima dei 30 giorni stabiliti dalla legge.

Rimane ancora un grosso problema relativo alla normativa sulla privacy: come fa la fantomatica associazione culturale PensieroCoerente ad avere i miei dati? Se si trattasse di propaganda elettorale, nessun problema: in questo caso si sarebbero potuti estrarre i dati dalle liste degli aventi diritto al voto presenti in ogni Comune. Ma, come abbiamo visto, per aggirare gli ostacoli previsti dalla legge, Scanderebech presenta il proprio santino elettorale come pubblicazione di un'associazione no profit. E allora come fa Pensiero Coerente, associazione di cui mai avevo sentito parlare, a detenere ed utilizzare i miei dati senza il mio consenso?

Ho espresso tutti questi dubbi allo stesso Deodato Scanderebech, chiedendo gentilmente delucidazioni (mail del 6 aprile, ore 16.30 e 3 secondi). Risposte? Nessuna. Forse la risposta sarebbe difficile da scrivere, ma anche difficile da trovare...


Leggi anche:
* Per "The Guardian" l'Italia è un Paese fascista
* La premiata ditta GayLib & Imma Battaglia presentano: Quote gay alle Europee!
* Pierferdinando Casini, la bella addormentata nel bosco di Arcore

5 commenti:

  1. Ti ammiro, hai scritto un articolo civile nel vero senso della parola.
    Hai scritto una lettera di protesta al diretto interessato. Io ti rispondo mestamente e civilmente che con il nuovo ddl sui contatti pubblicitari, di situazioni del genere ce ne capiteranno a migliaia. Ciao Wlaverita

    RispondiElimina
  2. Aldo Brancacci10 aprile 2009 17:26

    Hai svolto una ricerca intelligente per scrivere questo ottimo breve articolo. Hai fatto il tuo dovere di giornalista. Resterebbe da sapere quanti Italiani si indignano di una cosa del genere o, corrotti a loro volta dal malcostume generale, restano indifferenti, o per "cinismo", o per sfinimento.

    RispondiElimina
  3. @ Wlaverita:
    Eh sì, se le cose stanno così oggi immaginiamoci quando il ddl sarà legge...

    @ Aldo Brancacci:
    Grazie, ma a dire il vero mi sono informato inizialmente solo per capire il mio singolo caso. Poi ho scritto il post perché si tratta di un malcostume assai diffuso. In fondo Scanderebech ha solo avuto la sfortuna di essere il primo a mandare la sua pubblicità spazzatura!

    RispondiElimina
  4. Mi complimento con te per il lavoro che hai svolto. Grazie.

    Segnalo a te e in Rete che personalmente ho appena ricevuto una telefonata dalla segreteria di questo Deodato Scanderebech lasciata nella mia segreteria telefonica (sul numero di casa) pur non avendo MAI avuto a che fare con questo signore, né personalmente, né associativamente.

    (Se ogni candidato alle elezioni agisse con questa modalità non ci sarebbe più "spazio" e tempo per utilizzare la linea...)

    un caro saluto a te e agli amici del blog :-)

    notaliberablu

    RispondiElimina
  5. Geova-bunker

    Quello che avviene REALMENTE dietro le quinte del forum filocattolico contro i testimoni di Geova

    visita questo spazio per saperne di più: http://sonnyp.splinder.com

    RispondiElimina

Il grande colibrì