Mara Carfagna, Silvio Berlusconi ed il macho che c'è dentro di noi

"Osteria delle ministre / paraponzi ponzi po / le ministre son maestre / paraponzi ponzi po / e se al letto son portento, figuriamoci in Parlamento / dammela a me Carfagna / pari opportunità". "A me non me ne frega niente della vita sessuale di Berlusconi. Ma tu non puoi mettere alle Pari opportunità una che sta lì perché t'ha succhiato l'uccello, non la puoi mettere da nessuna parte ma in particolare non la puoi mettere alle Pari opportunità perché è uno sfregio". "La prossima volta Berlusconi potrà fare un passo ancora più importante: il giorno del giuramento dei ministri del governo potrà dire 'pari opportunità, succhiamelo', col plauso di tutti gli italiani" [Repubblica].

Sabina Guzzanti ieri ha dimostrato che Mara Carfagna non le sta molto simpatica. Come tanti altri (ne avevamo già parlato a proposito del Bologna Pride 2008), ha scelto però di non parlare delle parole e delle azioni della ex soubrette. Perché, a quanto pare, poco importa che sia un ministro che ha dimostrato di essere del tutto incompetente, ignorante sulle questioni di genere, razzista sulle questioni di orientamento sessuale, muta sulle questioni di discriminazione etnica e religiosa.


La Carfagna è ridotta, nelle parole di molti suoi detrattori, ad essere solo la "puttana di corte"; e lo sarebbe a causa dei calendari osé del passato (si sa che li ha fatti: e allora?) e delle fellatio praticate al Presidente del Consiglio (non si sa se li ha fatti davvero, e, in fondo, non è davvero la cosa che mi interessa di più). Come sempre, se si vuole attaccare una donna, la via più facile è darle della "puttana", senza parlare di fatti concreti.

E la via più facile per attaccare un uomo è dargli del "ricchione". E quindi non sorprende il fatto che la storia della Carfagna "puttana" si stia intrecciando con quella del Berlusconi "ricchione". Secondo voci di internet, sarebbe stato Silvio stesso a montare il caso, per non far trapelare il fatto che, in realtà, lui passerebbe il tempo nei parcheggi di San Siro a farsi sodomizzare da alcuni calciatori del Milan...

Questa non si chiama satira, non si chiama lotta politica, non si chiama resistenza. Si chiama machismo. Dove ad essere maiuscola non è solo la "m", ma anche tutte le altre lettere.


Bene, continuate così: avete già reso simpatica un ministro incapace. Riuscirete a fare lo stesso con un Presidente del Consiglio "unfit"?

Little Prince(ss)

16 commenti:

  1. Erano solo frasi divertenti per fare cabaret!

    RispondiElimina
  2. Poveri voi,ancora non vi siete ripresi dal colpo che l'intero paese Italia vi ha dato nelle ultime elezioni, bisogna però che iniziate a rassegnarvi al fatto che l'Italia non vi ha voluti al governo,ora gridate cose senza senso del tipo"allarme democrazia"...ma fatela finita,l'allarme democrazia c'è stato nel 92 quando con i famosi giudici di mani pulite(guarda caso adesso sono tutti scesi in politica nelle fila della sinistra CHISSA' COME MAI!!!!!)avete fatto fuori tutti coloro che non erano comunisti,la fortuna dell'italia è stata proprio la scesa in campo del Cavaliere, altrimenti adesso saremmo come l'Argentina a voler essere poco drastico.In ogni caso adesso ha vinto le elezioni dopo 2 anni di governo della sinistra che definirei"comico-drammatico",se non fosse che chi ci ha rimesso,come sempre siamo stati noi cittadini.Fatevene una ragione,oramai credo sia impossibile pensare di portare un paese grande com l'Italia ad un regime di dittatura, quindi,continuate pure ad insultare tutto e tutti nelle piazze,nelle televisioni,tutte, che oltre rete 4 controllate,canali satelitari compresi,ma per la vostra salute vi consiglio:mettetevi l'anima in pace,gli italiani preferiscono Silvio e Company e un motivo ci sarà no!?Non credo che chi l'abbia votato sia un deficiente e chi vota a sinistra è un genio, quindi RASSEGNATEVI,evitate di far del male al vostro fisico ed al vostro cuore, perchè l'odio,l'invidia, sono sentimenti che fano male a chi li prova, e ancora una volta mai più giusto fù quel detto che dice"IL POTERE LOGORA CHI NON CE L'HA"

    RispondiElimina
  3. Il cosidetto machismo è una caratteristica dell'autogettizzazione delle stesse donne, che ancora si configurano come il sesso debole. Le "magagne" della Carfagna, le sue dichiarazioni infelici, t'assicuro che vengogno pubblicate, ma non fanno notizia. D'altro canto se una stà lì perchè è una bella donna, avere la riprova di questa convinzione è il miglior modo di sputtanarla... certo che ha fatto solo cavolate come ministro, nessuno s'aspettava il contrario.
    Il machismo quà non c'entra, centra il fatto che le donne si dividono in quelle come la Carfagna che pensano di andare avanti cos', quelle femministe che sono in competizione d'intelligenza con l'uomo volte a dimostrare che loro possono essere pari, e quelle che hanno capito che non c'è bisognodi tutto questo, anzi è solo controproducente

    RispondiElimina
  4. V'invito col massimo rispetto a non scadere in una demagogia polemica.
    Vergognarsi, in quanto donne, di essere rappresentate da una scema che se guadagna quattro volte quanto guadagni tu è solo perché l'ha data al Presidente del Consiglio, e sentirsi per questo ferite, prese in giro, umiliate e trattate come l'ultima ruota del carro, non rasenta neanche di sbieco il machismo.
    La Carfagna è una vergogna ANCHE come puttana, non perché essere promiscui o facili debba essere condannato, né perché le donne non possano esserlo, ma perché UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA ITALIANA deve avere il DOVERE di condurre una vita integerrima. E' dunque FONDAMENTALE esprimere un proprio parere disgustato, se questo è ancora un Paese democratico, nei confronti di un tale attacco alla dignità delle donne.
    A questo punto, che sia anche cretina e razzista, è solo la ciliegina su una torta marcia.

    RispondiElimina
  5. Ogni magagna della Carfagna (anche la rima, pensa te!) viene pubblicata, ma non fa notizia.
    Un pompino (ancora presunto, ricordate?), invece, eccome se fa notizia.
    E forse è un po' colpa dei giornali, della tv e della radio. Ma di sicuro nessuno neppure nella "libera blogosfera" si appassiona più di tanto alle magagne della Carfagna. Nessuno ne parla al bar, in fila al supermercato, davanti alla macchinetta del caffè in ufficio, aspettando il treno ovviamente in ritardo.
    Del pompino (ancora presunto) della Carfagna ne parlano tutti. Tutti se ne appassionano.
    Perché?
    Il sospetto è che, in fondo in fondo, l'ignoranza, il razzismo, l'omofobia, l'incompetenza, la "banale" crudeltà umana di certa politica non ci piacciono, però... Però alla fine non ci fanno tanto effetto. Non ci stimolano più di tanto.
    L'immagine della donna puttana, della donna che fa carriera dandola a tutti, ecc... beh, quell'immagine ancora ci emoziona, ci prende per la pancia e ci trascina in un vortice di passioni infuocate.
    Perché è lei, la donna puttana, il fondamento della nostra cultura; è lei l'oggetto da biasimare e distruggere. Lei, il grande capro espiatorio, il nostro Edipo, senza la quale la nostra cultura non esisterebbe, ma che vogliamo distruggere.
    Poi, chissà, magari non ha mai fatto niente e sono tutte voci di cortile. Ma, ormai, la cosa non interesserebbe più a nessuno.

    * * *

    Da "Cavie" di Chuck Palahniuk:
    "No, la gente il lieto fine non lo vuole. [...] Il caporedattore mi dice: 'Becca Wilcox con del materiale porno infantile nel computer. Trovami dei corpi seppelliti sotto casa sua. E allora sì che avrai una storia'. Questo caporedattore dice: 'Meglio ancora: trova tutto quello che ti ho detto, più il suo cadavere'."

    RispondiElimina
  6. Sentite, e non siamo così sofisticati! Ma che credete che non sono indignato del fatto che Rutelli sia diventato qualcuno grazie al culo che ha dato a Pannella? Che Paolo Fox legge gli oroscopi che gli scrive Branco, e deve questo favore ai "favori" che ha fatto lui al vecchio astrologo?
    Diamine, questo non è corretto DA UN PUNTO DI VISTA DI TRASPARENZA E REGOLARITà LAVORATIVA! Chi se ne frega che questi personaggi (Carfagna, Rutelli e Fox) siano tutti delle puttane! Sono delle puttane ipocrite, arriviste, bugiarde...e hanno guadagnato proprio per questo!!! E non dovrei dire che è vergognoso!
    Non cadiamo nella trappola "Le donne non si toccano, perché siamo politically correct". Se una ministro è diventata tale in quanto puttana, io urlo "Che schifo quella puttana", mandando a quel paese il politicamente corretto. E' anche incolta, ottusa, razzista ed antipatica? Male, denuncerò anche quello. Cosa credete che abbia scritto nel mio blog sulla Carfagna? Neanche un accenno ai presunti servizi sessuali: ho scritto un post che trattava della sua incompetenza politica ed un altro che parlava della sua limitatezza mentale e del suo razzismo.
    Quindi non sono prevenuto o fissato né nei suoi confronti né in quelli di qualunque altra donna del pianeta. Sono un acceso e testardo femminista e lo sarò fino alla morte, ma se una donna riesce a raggungere una posizione importante perché ne ha assunta una un po' più comune al letto, E' DISGUSTOSO PER LE DONNE! Le donne non possono essere qualcuno in quanto oggetti sessuali!
    Scusate lo sfogo.

    RispondiElimina
  7. Che vagonata di cazzate che scrivi su questo blog.

    Sei solo un finocchio di merda.

    RispondiElimina
  8. Sai come la penso in proposito: della Carfagna pompinara non me ne frega nulla, me ne frega se diventa nostro ministro solo perchè ha fatto quello. Ed è vergognoso e da repubblica delle banane.

    @ANONIMO, sai chi chiama finocchi di merda i gay? Solo coloro che vivono una sessualità contorta e repressa nella quale non vogliono riconoscere neanche di fronte a se stessi (salvo po andare a cercare incontri occasionali in luoghi nascosti)di essere gay e sfogano la propria frustrazione su coloro che hanno il coraggio di non nascondersi. VERGOGNATI!

    RispondiElimina
  9. Il prossimo passo di Berlusconi sarà quello di costringere la ministra Gelmimi(indovinate il Ministro...dai che è facile) a ristrutturare il programma delle scuole elementari.
    Innanzitutto ci sarà l'assenza giustificata incondizionata (via quelle squallide giustificazioni dei genitori). La seconda cosa sarà quella di non ripetere più l'alfabeto per imparare a leggere, ma verrà cantata giorno dopo giorno 6 ore su 4 l'inno nazionale di Silvio.
    Poi partitella con i giocatori del Milan: attenzione cari ragazzi, se fate 5 gol avrete la possibilità di fare merenda con Kakà!!!!
    Inoltre, i libri di testo saranno scritti e compilati da Bondi (storia del'arte), Mangano e Mussolini (storia), Bossi (italiano), Tremonti (matematica), Ciarrapico (educazione civica), Maroni (lingue straniere, con particolare riguardo all lingue caucasiche e sinti), Giordano (letteratura italiana), Prestigiacomo (educazione sessuale).
    In più, ci sarà un premio, caratterizzato da una comparsata all'ultima puntata del Grande Fratello, per il ragazzo che tirerà più insulti ai suoi compagni di classe. Ci sarà quindi una guerra, perchè tutti saranno in competizione. Dovranno poi fare attenzione alle maestre: se li scoprono sono eliminati dal gioco. Ma questo è il premio dei coglioni: il vero premio, una gita in barca con Apicella alla chitarra, lo vincerà chi fotterà meglio i suoi compagni, attraverso l'elezione a capo del consiglio di classe, promettendo più merendine per tutti, e facendo votare, una volta eletto, una norma blocca maestre e un lodo di immunità scolastica, in modo tale da insultare tutti gli studenti, persino le maestre, senza che queste aprano bocca.
    Apicella... Here I am! wait for me pleaze. I'm coming... Uhhhh that's so sexy folks: Is Gregoraci that girl I see on your boat? Uh You, temptation

    Milesmood

    RispondiElimina
  10. Può essere interessante anche leggere la lettera aperta di Sabina Guzzanti al Corriere della Sera: "Critico chi voglio. E la gente applaude".
    http://www.corriere.it/politica/08_luglio_11/critico_chi_voglio_la_gente_applaude_2c148936-4efa-11dd-932f-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina
  11. è davvero assurdo pensare che silvio berlusconi sia omosessuale, è uno sciupafemmine

    RispondiElimina
  12. Credo che l'attacco fatto qui al ministro Carfagna sia indegno. Il ministro si è dimostrato attento e competente in tutte le sue azioni. Personalmente lo apprezzo moltissimo.

    RispondiElimina
  13. Se Bossi è offensivo si lamentano tutti, se lo è Sabina Guzzanti sono tutti permissivi. Io li trovo entrambi volgari.

    RispondiElimina
  14. Quanta invidia!!!!!!!!!!!Quanta invidia, come verso il Grande Sivio, così anche verso la BELLA Mara che dimostra sempre di più d'essere non solo una ragazza picevolissima, ma anche capace di produre qualcosa di buono per le donne!!!Quanta invidia, poveri voi dalla SINISTRA disperata e BUGIARDA!
    QUANTA INVIDIA E BASSEZZA................

    RispondiElimina
  15. Anonimo ha detto...
    Poveri voi,ancora non vi siete ripresi dal colpo che l'intero paese Italia vi ha dato nelle ultime elezioni

    Povero te illuso,che ti sei fatto sodomizzare il cervello dalle cazzate e che credi ancora alla Milano da bere , svegliati!

    RispondiElimina
  16. A principè.... mavvanfanculo!
    Si vede che non capisci un cazzo di politica!!!! Adesso difendiamo una deficiente perchè, poverina, è stata presa di mira, solo per il fatto che non sa fare un CAZZO e che tutti le attribuiscono dei legami intimi con il presidente (sigh!) del consiglio????
    Ma certo che si, se la rincoglionita di turno è stata fatta ministro!!!!!
    Se fosse stata una persona normale che non godeva di favoritismi, potevo capirlo, anzi gli spedivo 50 euro per verificare che non avesse preso malattie (non si sa mai....), ma a un ministro italiano io non do solidarietà solo perchè ha aperto le gambe.
    A princess pensa prima di scrivere......

    RispondiElimina

Il grande colibrì