L'Egitto, tra rivoluzione, Internet e omosessualità: anche il blogger gay IceQueer in piazza Tahrir

Abbiamo sentito raccontare le rivoluzione del Nord Africa da esperti (spesso presunti), da leader politici, da ideologici, da professori universitari. Sentirsela raccontare da chi quella rivoluzione l'ha fatta nella strada, con le idee della strada, fa tutto un altro effetto. E ci permette di capire davvero la rabbia e la gioia, la paura e la speranza, l'incertezza e la sicurezza e soprattutto la fede assoluta nel popolo e in Internet che sono state in grado di muovere le masse e di abbattere i dittatori.

Dopo che Rachid, rappresentante in Italia dell'associazione lgbt clandestina marocchina KifKif, ci ha raccontato le rivolte in Marocco, ora il più noto blogger gay egiziano, IceQueer, ci racconta gli eccezionali giorni che l'Egitto sta vivendo. Ce li racconta con gli occhi di un semplice amante della libertà che, senza alcuna esperienza di politica, come lui stesso ammette, ha vissuto la straordinaria esperienza di scrivere la storia in piazza Tahrir...

* * *

Quali sono state le cause principali della vostra rivolta?

Il popolo egiziano non ne poteva più di Mubarak e del suo regime: la rivoluzione è stato il risultato naturale di quello che abbiamo sofferto negli ultimi 10-15 anni e forse anche di più. Il popolo in piazza Tahrir chiedeva i diritti più essenziali, che sono libertà, giustizia sociale e democrazia.


Qual è stato il ruolo di Facebook, di Twitter, dei blog?

I social network hanno giocato un ruolo importante nell'organizzare il popolo e anche nello smascherare l'ipocrisia dei mass media. I social network semplicemente dicono la verità. Puoi leggere di un caso di tortura su Twitter, vedere il video su YouTube e poi discuterne su FaceBook!


Dal punto di vista occidentale, il ruolo dell'esercito non è molto chiaro...

Ad essere onesti, il ruolo dell'esercito adesso non è molto chiaro neppure per noi. Il popolo è contro questo governo di transizione e l'esercito sta cercando di rimanere il più neutrale possibile, ma non è abbastanza.


Non è molto chiaro neppure il ruolo dei Fratelli Musulmani...

La rivoluzione egiziana non ha portato avanti alcun programma politico o religioso, ma gran parte del popolo fino ad ora non vuole i Fratelli Musulmani per le prossime elezioni.


A Palermo, un ragazzo marocchino, Noureddine Adnane, si è dato fuoco per protestare contro le persecuzioni della polizia italiana, emulando il gesto storico del tunisino Mohamed Bouazizi. Credi che i giovani delle due sponde del Mediterraneo possano unirsi per lottare contro tutti gli oppressori?

La gente non ha alcuna idea di come ci si senta quando inizi a uccidere le tue paure e diventi capace di dire: "No, ora basta, andatevene via!". E' uno spirito che spero che persista in Egitto e nel mondo intero.


Cosa ne pensi dell'Italia?

Sarò superficiale: ti dico che l'Italia per me è la moda, i bei ragazzi e l'architettura, ma sono sicuro che ci sono molte più cose da conoscere a proposito dell'Italia. Io sto cercando di conoscerle attraverso i miei amici italiani, qui in Egitto.


E del nostro governo, cosa ne pensi?

Del vostro governo? Beh, io non sono un'esperto di politica, quindi non so davvero cosa dire sulla situazione in Italia, ma di tanto in tanto leggo notizie sulla corruzione di Berlusconi.


Come vivono i gay e le lesbiche in Egitto?

La vita per i gay e le lesbiche in Egitto varia da persona a persona: alcuni sono profondamente repressi, alcuni sono "discreti", alcuni sono dichiarati, ma non con tutti, e una minoranza sono dichiarati con i propri genitori e con gli amici. Fondamentalmente ci incontriamo tra di noi attraverso i siti di incontro online.


Qual è la situazione dal punto di vista legale?

Anche se in Egitto l'omosessualità non è illegale in senso stretto, gli omosessuali vengono arrestati in riferimento ai reati di "depravazione abituale" e di "comportamenti osceni", in base all'articolo 9c della legge n. 10 del 1961 sulla lotta alla prostituzione, e al reato di "disprezzo della religione", in base all'articolo 98 del codice penale.


Little Prince(ss)

Leggi anche:
* Marocco: anche il movimento omosessuale partecipa alle manifestazioni per la democrazia
* Guerra immacolata e pace profana: il dilemma di chi cerca una soluzione ai dolori del mondo
* Roberto Malini (Gruppo EveryOne): profughi nel Sinai, nell'Egitto assediato dal fondamentalismo

5 commenti:

  1. Speriamo la situazione cambi finalmente...

    RispondiElimina
  2. Bellissima intervista: non ho mai visto un rivoluzionario così tenero! Speriamo che la buona volontà del popolo egiziano riesca a supplire alle evidenti carenze di progettazione e analisi politica.
    V.C.

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo con poche e sintetiche parole ha descritto il movimento attuale..e poi dare dell'italiauna definizione tale....nn offendiamoci,italiani credo proprio che seppur parzialmente abbia descritto un aspetto fin troppo vero del nostro paese,proprio da chi normalmente ci vede come un sogno proibito!!!!!,profondo il ragazzo,nn c'è che dire...magaari tanta umanità come lui!!!!!

    RispondiElimina
  4. Povero Egitto: dalla dittatura militare alla rivoluzione borghese!

    RispondiElimina
  5. I wish I knew Italian so I can understand all of these comments! =)

    RispondiElimina

Il grande colibrì