C'era una volta in Iraq: l'Abu Ghraib inglese e i bambini malformati dai cristiani brava gente...

Hussain, 35 anni, mentre pregava era costretto a vedere i soldati che scopavano tra loro. Innocente o colpevole? Yanar, appena nata, ha già parecchi tumori. Innocente o colpevole? Khaula, 14 anni, è stata stuprata dai soldati che hanno fatto irruzione in casa sua. Innocente o colpevole? Amour, appena nato, ha un sistema nervoso da buttar via. Innocente o colpevole?

Nassir, 24 anni, veniva torturato dai soldati fisicamente, a botte e con scariche elettriche, e psicologicamente, con cani con la bava alla bocca e finte esecuzioni. Innocente o colpevole? Nazila, appena nata, ha due teste. Innocente o colpevole? Adil, 23 anni, veniva umiliato sessualmente dalle soldatesse mentre i soldati scattavano foto. Innocente o colpevole?

Ecco l'Iraq dei terroristi veri o presunti, dei ragazzini violentati, dei neonati malformati [Guardian]. Ecco l'Iraq dei "casi isolati", come afferma il ministero della difesa britannico. Casi che rimangono isolati anche dopo che ne sono spuntati a decine, centinaia, migliaia. Che rimangono isolati anche dopo Guantanamo e Abu Ghraib. Anche dopo che si scopre che i soldati inglesi si comportavano esattamente come i colleghi americani [Stampa].

Rispettando il copyright, però: per dimostrare che il metodo è lo stesso (certificazione di qualità USA 9001), i militari della Regina facevano indossare ai detenuti le divise arancioni di Guantanamo e mostravano loro le foto degli abusi di Abu Ghraib [Independent]. Gli mostravano la sorte come a dire "Noi scegliamo, non c'è un Dio che sia più forte".

Ecco l'Iraq in cui innocenza e colpevolezza si sono spente nel nostro silenzio. In cui i colpevoli hanno vinto, si sono cinti d'alloro, si sono magnificati come esportatori di democrazia per poi tornare a casa a proteggere piccole croci di legno o di plastica attaccate alle pareti di un'aula scolastica. E in cui gli innocenti portano sui corpi e sulle anime i segni indelebili della loro colpa: avere incrociato la bestialità soldatesca sguinzagliata da una politica compiacente e compiaciuta.

Little Prince(ss)

Leggi anche:
* Onore ai caduti. E al pieno di benzina. Il centro-destra ringrazia i soldati calcolatrice alla mano
* I festini dei mercenari: alcool e umiliazioni omoerotiche tra i contractors in Afghanistan
* Guerra

3 commenti:

  1. Dunque ora i cristiani, oltre ad avere la coda con le squame e la capacità di lanciare fiammate dalla bocca, hanno anche poteri occulti come deformare i bambini alla nascita...
    Incredibili questi cristiani, sembrano roba da fiabe...

    RispondiElimina
  2. @ Saccente:
    Come ben si può capire dalla lettura del testo, i "cristiani" del titolo - titolo volutamente provocatorio - sono quei politici che, in nome dell'Occidente cristiano, prima appoggiano guerre spaventose (che provocano, a causa dell'uso di armi non convenzionali, terribili malformazioni ai nascituri) e poi esaltano il crocifisso nelle scuole come simbolo dei valori umani che quella croce dovrebbe rappresentare. Sono ipocriti, tanto quanto finge di non capire.

    RispondiElimina
  3. Meno male che noi siamo italiani, rava gente... come in Somalia.
    Stupri con il bazooka, torture con i cavi elettrici sui testicoli...
    http://www.italosomali.org/Torture%20in%20Somalia.htm

    RispondiElimina

Il grande colibrì